25 Febbraio 2021

Zone franche montane, ventiquattresimo giorno di presidio allo svincolo di Irosa. Cuffaro: «Fiscalità di sviluppo fondamentale»

Oggi il turno di Caltavuturo e Blufi. La telefonata di totò Cuffaro

Ventiquattresimo giorno di presidio allo svincolo di Irosa. Sindaci e comitato regionale promotore per l’istituzione delle zone franche montane in Sicilia continuano a presidiare, pacificamente, l’area all’interno di un camper, parcheggiato nei pressi dell’autostrada Palermo-Catania.
Oggi è il turno dei Comuni, della Città Metropolitana di Palermo, di Caltavuturo e Blufi.
Questa mattina al camper è giunta la telefonata del leader siciliano della Democrazia Cristiana ed ex presidente della Regione Siciliana, Totò Cuffaro.
«Vi sono vicino – ha dichiarato Cuffaro – la fiscalità di sviluppo è fondamentale per la ripresa delle montagne della Sicilia. Democrazia Cristiana non mancherà di seguire con grande attenzione l’iter legislativo in atto».
L’iniziativa di Irosa è finalizzata a sensibilizzare la deputazione di Camera e Senato, eletta in Sicilia, a sostenere l’iter parlamentare, attualmente in discussione presso la Commissione Finanze e Tesoro del Senato, presieduta dal senatore Luciano D’Alfonso.


«Non possiamo aspettare. – Affermano, dal camper, i rappresentanti del comitato  – L’emergenza pandemica ha messo a nudo una situazione drammatica che affonda le proprie radici in tempi lontani. Le istituzioni non hanno saputo programmare, oggi hanno la possibilità di rimediare, per salvare dalla chiusura migliaia di piccoli imprenditori che ancora resistono in montagna. Siamo fiduciosi, riscontriamo quotidianamente, tra i senatori e i deputati, convergenza sulle nostre rivendicazioni».
«Vista l’importanza di questa iniziativa, – dichiara Salvatore Di Carlo, primo cittadino di Caltavuturo – mi trovo perfettamente d’accordo sulle linee generali che porteranno uno sviluppo notevole ai Comuni montani della nostra bellissima isola».
«Mi appello ancora una volta al buon senso di tutti, – chiosa Lillo Puleo, vice sindaco di Blufi – la Sicilia non può perdere questa importantissima opportunità storica di rilancio economico. Le Zfm diventino lo strumento principale di politica economica di questo nuovo anno».
«Così come più volte chiesto – conclude Puleo –  dall’Anci e da Matteo Del Fante, AD di Poste Italiane, oggi più che mai bisogna ripartire dai territori e questa è l’occasione giusta perché ciò avvenga».

Nella foto da sinistra: Lillo Puleo, Iolanda Teresi e Salvo DI Carlo, consigliere comunale e sindaco di Caltavuturo

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

Donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat