25 Novembre 2020

Spazio, il ghiaccio della cometa 67P è soffice come un cappuccino


 Il ghiaccio della cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko è soffice come la schiuma di un cappuccino. Lo ha rivelato l’Esa che ha reso noto il secondo sito d’atterraggio del lander Philae della sonda spaziale europea Rosetta che, nel novembre 2014, è sceso sulla cometa.

Si tratta di una zona a forma di teschio dove il piccolo lander, dopo aver rimbalzato per un malfunzionamento agli arpioni di ancoraggio, ha lasciato un’impronta nel ghiaccio primordiale, vecchio di miliardi di anni, rivelandone le caratteristiche.

Su Philae era presente Sd2, una trivella di fabbricazione italiana che avrebbe dovuto scavare nel suolo della cometa, del quale era responsabile la professoressa Amalia Ercoli Finzi del politecnico di Milano alla quale abbiamo chiesto un parere sulla nuova scoperta.

“Philae ci sta dicendo che ha trovato il ghiaccio – ha detto – ovviamente lo sapevamo già che le comete sono fatte di ghiaccio ma ha trovato un ghiaccio speciale, antico, di 4 miliardi e mezzo di anni fa, quando la cometa si è formata e soprattutto che sopra questo ghiaccio c’è uno strato così leggero che è come la schiuma di una scia di un’onda. Questo è meraviglioso intanto perché ghiaccio vuol dire acqua e acqua vuol dire vita e quindi le comete sono portatrici di vita nell’intero sistema soalre e chissà, forse anche fuori dal sistema solare”.

Dopo il primo, sfortunato contatto, Philae ha rimbalzato dal suo iniziale sito di atterraggio, Agilkia fluttuando per circa due ore, durante le quali si è scontrato con il bordo di una scogliera, affondando per almeno 25 cm nel terreno, prima di cadere nella zona denominata Abydos, un anfratto dove poi è stato individuato e fotografato, in posizione semi-coricata, dalla sonda madre, Rosetta.

L’analisi delle immagini e dei dati ottenuti dagli strumenti italiani dell’Asi, “Osiris” e “Virtis” di Rosetta hanno confermato che la zona “luminosa” individuata era proprio il ghiaccio d’acqua in un’area di circa 3,5 metri quadrati, portato alla luce dallo scavo involontario di Philae. Per gli scienziati si tratta di una scoperta importantissima perché ha consentito di studiare del ghiaccio purissimo, mai prima d’ora esposto direttamente alla luce del sole.

Lo studio sulla porosità, inoltre, ha rivelato che tutti i massi della cometa rappresentano lo stato complessivo del suo interno, esattamente come si è formata quasi 4.5 miliardi di anni fa.

(askanews)

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

Donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat