29 Ottobre 2020

L’allarme della Dda di Milano: Covid facilita infiltrazioni mafie


 La ‘ndrangheta è pronta ad approfittare dell’emergenza Coronavirus per infiltrarsi nelle aziende del Nord in difficoltà. È il campanello d’allarme suonato da Alessandra Dolci, Procuratore aggiunto e capo della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, secondo la quale l’usura sta diventando per le mafie la chiave d’accesso al sistema imprenditoriale lombardo e talvolta a fare da intermediari sono professionisti senza scrupoli.

“La percezione della presenza è decisamente aumentata, prendiamone atto e adottiamo le contromisure che non possono essere soltanto quelle di carattere repressivo, rappresentate dall’intervento delle forze di polizia e dell’autorità giudiziaria. Ci vuole sinergia tra le istituzioni e le categorie professionali”.

Da qui la sua presenza all’ottavo incontro annuale dell’Aidc, associazione dei dottori commercialisti, categoria che il magistrato invita a moltiplicare le segnalazioni antiriciclaggio, oggi soltanto 300 su 105.000. Edoardo Ginevra, presidente Aidc Milano e candidato alla presidenza dell’Ordine di Milano alle prossime elezioni di categoria:

“Sono oneri e procedure faticose. Questo non bisogna dimenticarlo, perché gli studi professionali spesso non hanno le strutture degli intermediari finanziari, le modalità possiamo lavorare per cambiarle, ma dal punto di vista filosofico non c’è dubbio che può essere considerata un’opportunità in quel percorso di creazione del valore che passa anche attraverso l’individuazione del caso oltre il limite”.

L’importante, osserva il saggista e avvocato Umberto Ambrosoli, è che il professionista tenga sempre a mente il valore sociale del suo lavoro.

“La responsabilità del professionista, l’esercizio della responsabilità, è l’occasione per la declinazione dell’orgoglio del significato del proprio ruolo”.

Solo così potrà cominciare un nuovo percorso di collaborazione tra Stato e professioni che per i dottori commercialisti deve necessariamente passare anche attraverso un rapporto più stretto tra Ordine e Procure.

(askanews)

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat