25 Novembre 2020

Il gioco secondo SWG: italiani non vogliono divieti ma controlli


 Si gioca principalmente per divertimento, ma anche per liberare la mente o per rilassarsi. Gli italiani non vogliono vietare i giochi con vincite in denaro, ma chiedono controlli severi sul gioco illegale. E quanto emerge da una ricerca elaborata da SWG, Formiche e Kratesis.

Il giocatore, secondo la ricerca, viene percepito con immagine positiva se si pensa a un adulto che si rilassa, e progressivamente sempre più negativa se si pensa al gioco con vincite in denaro. Solo per un intervistato ogni 8 è una persona normale.

Presso chi non gioca, il giocatore compulsivo poi è più spesso associato a una situazione di marginalità (povertà, disoccupazione, bassa istruzione), mentre tra i giocatori assidui l’immagine è molto più indifferenziata.

L’identikit del ludopatico per la maggioranza degli intervistati è maschio, anziano, povero, disoccupato e non istruito. In generale poi si pensa che la ludopatia sia molto più diffusa di quanto non sia, e molto più radicata nel territorio; i centri illegali vengono immaginati con caratteristiche da cinema.

Tra le cinque dipendenze riportate nella ricerca, è la droga, secondo gli intervistati, quella con la percentuale più alta per la pericolosità elevata (79%). Seguono poi alcool (67%), il gioco (61%), il fumo (53%) ed internet (25%). Ciò nonostante, gli italiani appunto non vogliono veder vietato il gioco con vincite in denaro, ma considerano necessari maggiori controlli.

(askanews)

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

Donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat