25 Novembre 2020

Francia e Germania verso nuovo lockdown, esempio per l’Italia?


 Mentre in Italia torna lo spettro lockdown, anche se non nazionale, con il consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi, che lo ritiene necessario almeno per città come Milano e Napoli dove il Covid-19 circola molto, in altri paesi come Francia e Germania, dopo l’aumento esponenziale dei contagi negli ultimi giorni, si passa ai fatti. Il lockdown parziale o totale sembra al momento l’unica valida arma per i governi, in attesa di un vaccino, per controllare la curva epidemiologica e riportarla a livelli utili a evitare l’intasamento di ospedali e terapie intensive.

Il presidente francese Emmanuel Macron si appresta a parlare alla Nazione per annunciare una nuova stretta. Ieri si sono registrati 258 morti nel Paese. Secondo alcuni media francesi scatterà il lockdown nazionale per un mese a partire da giovedì 29 ottobre ma le scuole materne ed elementari resteranno aperte.

Anche in Germania dove si contano quasi 15mila nuovi casi nelle ultime 24 ore, la cancelliera Angela Merkel pensa a un lockdown soft dal 4 novembre. Il piano, da discutere con i capi dei 16 stati tedeschi contiene rigide misure per un mese, in modo da salvaguardare il periodo delle festività natalizie, con restrizioni ai contatti interpersonali oltre alla chiusura di bar, ristoranti, palestre e hotel e attività commerciali non indispensabili. Le scuole però, ad eccezione di superiori e università, resterebbero aperte.

(askanews)

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

Donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat