28 Ottobre 2020

Covid, Speranza: stretta su movida e eventi, più smart working


 E’ durato un paio d’ore il confronto tra governo e regioni, nella sede della Protezione civile, sulle misure di contrasto del coronavirus. In arrivo una nuova stretta per frenare i contagi nel Paese.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha assicurato che ci sarà “massimo livello di condivisione delle nuove misure” per evitare discrepanze tra governo e regioni che possano mandare in confusione i cittadini. “Il Paese è più forte rispetto a

marzo-aprile” ha ricordato. Ma le nuove misure sono neccessarie per non arrivare ai numeri, molto più alti dei nostri, degli altri paesi.

Nell’incontro, il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia ha sottolineato l’importanza di uno sforzo comune per le terapie intensive mentre il commissario Domenico Arcuri ha detto che l’obiettivo è arrivare a 200mila tamponi molecolari al giorno e 100mila test rapidi antigenici.

I punti su cui lavora il governo sono limitazioni alla movida e agli eventi, interventi su trasporti e smart working. “Sugli eventi capiamo insieme dove fissare l’asticella” avrebbe detto Speranza nell’incontro e avrebbe parlato di “una stretta sugli orari serali per evitare assembramenti”. Altro punto su cui discutere gli sport di contatto, le palestre e soprattutto i trasporti. Inoltre il ministro si è parlato di una “mossa netta sullo smart working”, per arrivare anche al 70-75%.

(askanews)

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat