24 Gennaio 2021

Addio a Diego Armando Maradona, aveva compiuto da poco 60 anni


 Addio a uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi: è morto Diego Armando Maradona, dopo un arresto cardiorespiratorio. Inutile il soccorso di tre ambulanze al Barrio San Andres, suo domicilio attuale a Buenos Aires, in Argentina.

El Pide de Oro, che aveva compiuto 60 anni lo scorso 30 ottobre, era considerato un fuoriclasse senza tempo. Nato in Argentina, aveva 15 anni quando esordisce nel mondo del calcio. Nel giro di pochi mesi la sua carriera decolla, debutta in serie A e poi nella nazionale del ct Luis Cesar Menotti.

Maradona lascia la povertà di Riva Fiorita, diventa un idolo del calcio e una icona di riscatto per il suo popolo. Gioca contro gli azzurri di Bearzot. Poi l’arrivo a Napoli nel 1984, davanti a un San Paolo in delirio, la città lo ama tanto che ancora oggi in molti lo definiscono l’ultimo Re di Napoli. Mexico ’86 laurea l’Argentina di Maradona campione del mondo con il gol di mano agli inglesi (la mano de Dios), la cavalcata solitaria di 60 metri seminando avversari sempre contro la perfida albione e la vittoria sulla Germania ovest.

La stagione successiva (1986-87) Dieguito riesce nell’impresa di regalare al Napoli il suo primo storico scudetto e poi ha continuato a portare successi ed emozioni. Diego Maradona ha vinto di tutto e di più: un Mondiale dei grandi e uno dei giovani, tre scudetti (uno con il Boca, due con il Napoli), una coppa Uefa, due coppe e due supercoppe nazionali (doppietta con il Barcellona e con il Napoli), sei volte la classifica cannonieri (cinque in Argentina e una in Italia). In casa ha pure un Pallone d’oro alla carriera. Unico cruccio la Coppa dei Campioni.

(askanews)

Share
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Sostieni ilcaleidoscopio.tv, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Scegli la nostra testata per pubblicizzare la tua attività oppure diventa abbonato sostenitore con un libero contributo. La nostra è un'informazione libera, senza alcun condizionamento. Ogni giorno ti offriamo gratuitamente numerose notizie ed approfondimenti redatti con scrupolo e professionalità.
La cessione degli spazi pubblicitari e i contributi dei lettori servono a sostenere i costi per il nostro lavoro che, in questo particolare momento storico, come tutte le attività, stenta a ripartire.
Se hai terminato di consultare l'articolo o il video che ti abbiamo offerto in questa pagina, stai leggendo il nostro appello.
Sostienici, anche con un contributo minimo, farai tuo questo giornale, dando voce all'informazione libera.
Puoi fare una donazione subito cliccando sul banner SOSTIENI LA STAMPA LIBERA.
Grazie
La redazione

Donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat